• Alcuni investitori potrebbero temere le conseguenze dell'aumento dell'inflazione e dell'inasprimento della politica monetaria sulle loro partecipazioni obbligazionarie attive.
  • Se da un lato tale contesto può comportare dei rischi, dall'altro può offrire nuove opportunità per le strategie obbligazionarie a gestione attiva.
  • La stabilità offerta dalle obbligazioni in un portafoglio è probabilmente ancora più cruciale in tempi di maggiore incertezza.

 

Di Kelly Gemmell, Investment Product Manager, Vanguard Europe

Con l'aumento dell'inflazione e l'inasprimento della politica monetaria da parte delle banche centrali, alcuni investitori potrebbero temere le conseguenze sulle partecipazioni obbligazionarie a gestione attiva presenti nei loro portafogli.

Già prima che l'invasione russa dell'Ucraina innescasse un'impennata dei prezzi dell'energia, i policy maker avevano intrapreso un cammino di stretta monetaria. Ora, con i prezzi più elevati delle materie prime che minacciano di rallentare la crescita e di aumentare l'inflazione, i mercati scontano un numero di rialzi dei tassi di interesse maggiore di quanto ipotizzassero solo sei mesi fa.

Ciò si riflette sulle curve dei rendimenti dei titoli di Stato, in notevole rialzo soprattutto nella parte centrale, la cosiddetta "belly", che rappresenta i rendimenti delle obbligazioni a scadenza intermedia. Ad esempio, la curva dei rendimenti dei Treasury USA, mostrata di seguito, è apparsa radicalmente diversa ad aprile rispetto allo scorso settembre.

Curva dei rendimenti dei Treasury USA: settembre 2021 e aprile 2022

Fonte: Bloomberg, all'11 aprile 2022.

Anche gli spread creditizi si sono ampliati, indicando un deterioramento delle aspettative sugli utili. Ciò vale in particolare per i crediti che risentono maggiormente dell'aumento del prezzo del petrolio, come le compagnie aeree.

Il ruolo delle obbligazioni e del credito

In un simile contesto, gli investitori farebbero bene a ricordare ciò che li spinge a investire in obbligazioni, poiché la stabilità che offre questa asset class in un portafoglio è probabilmente ancora più cruciale in tempi di maggiore incertezza. Con l'aumento dei tassi, le obbligazioni di qualità rimangono una fonte di reddito, liquidità, diversificazione da asset rischiosi e potenziale rendimento sul capitale.

E per quanto concerne il credito, il connubio tra aumento del tasso privo di rischio (il rendimento dei titoli di Stato dei mercati sviluppati) e ampliamento degli spread creditizi ha determinato un incremento del rendimento nominale (ossia non rettificato per l'impatto dell'inflazione) delle obbligazioni societarie. Ciò può contribuire a ridurre l'effetto corrosivo dell'inflazione, ad attutire l'impatto dell'aumento dei tassi nel tempo nonché a ridurre i drawdown.

Per le strategie obbligazionarie a gestione attiva, l'aumento dei tassi e la maggiore volatilità possono comportare dei rischi, ma anche offrire nuove opportunità.

Kelly Gemmell, Investment Product Manager, Vanguard Europe

Rischi e opportunità degli investimenti a gestione attiva

Per le strategie obbligazionarie a gestione attiva, l'aumento dei tassi e la maggiore volatilità possono comportare dei rischi, ma anche offrire nuove opportunità.

In mercati volatili e in rapida evoluzione, le strategie attive che si concentrano principalmente su investimenti direzionali tattici nel tentativo di generare rendimenti possono subire notevoli drawdown se le loro scelte in fatto di beta risultano sbagliate. Possono inoltre causare confusione sulla fonte di rendimenti su cui si dovrebbe puntare, che a nostro avviso dovrebbe essere l'alfa e non il beta.

Inoltre, cercando di generare alfa dalla vera selezione dei titoli attraverso fonti diversificate, senza assumere un eccessivo rischio direzionale top-down1, gli investitori possono ottenere il meglio dall'asset class riducendo al contempo il rischio di grandi perdite dovute al drawdown. Si tratta di una delle modalità più efficaci per ottenere in qualsiasi contesto di mercato valore dai portafogli obbligazionari a gestione attiva, ma è particolarmente utile quando gli investitori devono affrontare condizioni di mercato più difficili.

Posizionarsi bene per aggiungere alfa

All'interno dell'universo del credito globale, vi è una vasta serie di opportunità per generare alfa. La maggiore volatilità, l'aumento dell'inflazione e i costi di finanziamento più elevati per gli emittenti portano a maggiori dislocazioni tra i crediti in miglioramento e quelli in peggioramento.

Ad esempio, gli analisti di ricerca sul credito di Vanguard hanno cercato di individuare le società meglio attrezzate per trasferire l'aumento dei costi di produzione ai clienti al fine di proteggere i margini. È qui che la due diligence degli analisti diventa particolarmente importante. Considerando la situazione specifica di ogni settore e società, i nostri analisti possono guardare oltre gli ovvi beneficiari, come le compagnie petrolifere, per scovare altri crediti in grado di trasferire i costi.

L'industria automobilistica, ad esempio, è ciclica, e i volumi e i prezzi possono essere messi in discussione quando i redditi dei consumatori diminuiscono e la crescita rallenta; tuttavia, le strozzature sul fronte dell'offerta hanno fatto aumentare i prezzi, quindi anche gli utili. Per prendere decisioni di investimento è fondamentale capire come queste condizioni influenzino ogni società, e se il prezzo ne risenta o meno.

Tra le obbligazioni dei mercati emergenti, altro segmento in cui alcuni fattori di rischio possono essere esacerbati dalla volatilità del mercato, è altrettanto importante focalizzarsi sulla selezione dei titoli e sul valore relativo. Bisogna puntare a generare un alfa costante preservando il profilo di rischio e dell'asset class, facendo attenzione ai cosiddetti "crowded trade", agli scenari di rischio di coda e all'esposizione sul beta.

Di recente i mercati hanno anche scontato molte "cattive notizie" nel debito dei mercati emergenti, rendendo così le valutazioni più interessanti e aprendo nuove opportunità.

In Vanguard riteniamo che i nostri fondi obbligazionari a gestione attiva siano ben posizionati per aiutare gli investitori ad affrontare l'attuale incertezza dei mercati obbligazionari.

I nostri fondi obbligazionari attivi gestiti internamente

Vanguard Emerging Markets Bond Fund

Vanguard Global Credit Bond Fund

 

1 Fonte: Morningstar, Bloomberg e Vanguard, dal 30 settembre 2018 al 15 gennaio 2021. La percentuale di rischio attivo derivante dal beta creditizio (media annua) di Vanguard Global Credit Bond Fund è stata costantemente inferiore a quella della media del peer group dal 30 settembre 2018 al 15 gennaio 2021. Peer group definito da Morningstar - EAA OE Global Corporate Bond - USD Hedged.

Informazioni sui rischi d’investimento

Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono diminuire o aumentare e gli investitori potrebbero recuperare un importo inferiore a quello investito.

Alcuni fondi investono nei mercati emergenti, che possono risultare più volatili rispetto a quelli più consolidati. Di conseguenza, il valore dell’investimento potrebbe aumentare o diminuire.

I fondi che investono in titoli a tasso fisso comportano i rischi di mancato rimborso e di erosione del valore del capitale investito; inoltre il livello di reddito è soggetto ad oscillazioni. L'andamento dei tassi d'interesse può influire sul valore del capitale dei titoli a tasso fisso. Le obbligazioni societarie possono offrire rendimenti più elevati, ma proprio per questo, sono soggette ad un maggior rischio del credito ed al conseguente aumento dei rischi di mancato rimborso e di erosione del valore del capitale investito. Il livello di reddito è soggetto ad oscillazioni e l'andamento dei tassi d'interesse può influire sul valore del capitale delle obbligazioni.

Informazioni importanti

Riservato agli investitori professionali secondo la definizione di cui alla Direttiva MiFID II. In Svizzera solo per gli investitori professionali. Da non distribuire al pubblico.

Le informazioni contenute nel presente documento non devono essere considerate offerte di acquisto o di vendita né sollecitazioni di offerte di acquisto o di vendita di titoli in qualsiasi paese in cui tali prassi siano vietate dalla legge, né possono essere rivolte a persone cui non sia lecito fare tali offerte o sollecitazioni né possono essere fatte da persone non qualificate.  Le informazioni contenute nel presente documento non devono essere interpretate come consulenza legale, fiscale o d'investimento. Pertanto non ci si deve basare sul contenuto del documento per eventuali decisioni d’investimento.

Pubblicato nell’AEE da Vanguard Group (Ireland) Limited regolamentata in Irlanda dalla Central Bank of Ireland.
Pubblicato in Svizzera da Vanguard Investments Switzerland GmbH.
Pubblicato da Vanguard Asset Management, Limited, autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority.

© 2022 Vanguard Group (Ireland) Limited. Tutti i diritti riservati.
© 2022 Vanguard Investments Switzerland GmbH. Tutti i diritti riservati.
© 2022 Vanguard Asset Management, Limited. Tutti i diritti riservati.