• Gli approcci di asset allocation tattica sono molto difficili da attuare e i guadagni sono marginali.
  • L'asset allocation strategica, utilizzata dalla gamma LifeStrategy di Vanguard, ha resistito a diversi mercati ribassisti.
  • La nostra analisi dei fondi statunitensi ha rilevato che i fondi con asset allocation tattica hanno ottenuto rendimenti medi più elevati rispetto a quelli con asset allocation strategica.

 

Considerando le turbolenze che hanno interessato negli ultimi mesi le diverse classi di attivi, l'idea di un portafoglio bilanciato tradizionale o di un portafoglio basato su una "asset allocation strategica", ossia una ripartizione predefinita tra azioni e obbligazioni, può sembrare antiquata. Si è tentati di ricorrere a una "asset allocation tattica", cercando di trarre vantaggio dalle tendenze del mercato o dalle condizioni economiche modificando attivamente le ripartizioni del portafoglio. Ma, come la storia ci insegna, così facendo gli investitori potrebbero peggiorare la loro situazione.

Non basta azzeccarne solo una con l'asset allocation tattica

C'è un motivo per cui il market-timing è difficile. Perché ogni decisione tattica abbia successo, gli investitori non possono “azzeccarne” solo una. Devono almeno indovinarne  cinque:

  • Individuare un indicatore affidabile dei rendimenti di mercato futuri a breve termine.
  • Scegliere il giorno preciso per l'uscita da una classe di attivi o dal mercato.
  • Scegliere il giorno preciso per il rientro in una classe di attivi o nel mercato.
  • Decidere l'entità della ripartizione e come finanziare l'operazione.
  • Eseguire l'operazione a un costo (che riflette i costi di transazione, gli spread e le imposte) inferiore al beneficio atteso.

Anche riuscendoci la maggior parte delle volte, il guadagno sarà probabilmente marginale.

Non solo gli investitori dovrebbero azzeccare tutti e cinque i punti di cui sopra, ma dovrebbero ripetere questo successo per la maggior parte delle loro operazioni perché abbiano effetto. E l'effetto sarebbe probabilmente marginale.

Il grafico sottostante mostra che se gli investitori riuscissero ad anticipare le sorprese economiche il 100% delle volte, il loro rendimento annualizzato in più di 25 anni sarebbe superiore di soli 0,2 punti percentuali rispetto a un portafoglio bilanciato tradizionale composto dal 60% di azioni e dal 40% di obbligazioni statunitensi. Abbiamo utilizzato i dati storici sulla performance del mercato per un portafoglio statunitense, ma riteniamo che i risultati siano validi anche per gli investitori del Regno Unito.

Un investitore che fosse riuscito a fare previsioni corrette la metà delle volte – l'equivalente del lancio di una moneta o di un evento casuale – avrebbe ottenuto una performance inferiore a quella del portafoglio base. Un investitore che fosse riuscito a fare previsioni corrette il 75% delle volte avrebbe ottenuto un saldo finale superiore di soli 252 dollari rispetto al portafoglio base.

Crescita di 1.000 dollari in base al successo degli investitori nell'anticipare le sorprese economiche

La performance passata non è garanzia di rendimenti futuri. La performance di un indice non è rappresentativa di alcun investimento specifico, dal momento che non è possibile investire direttamente in un indice.

Fonte: Articolo Vanguard Here Today, Gone Tomorrow: The Impact of Economic Surprises on Asset Returns, novembre 2018. Calcoli di Vanguard con dati U.S. Bureau of Economic Analysis, U.S. Bureau of Labor Statistics, Bloomberg e Refinitiv. Note: L'indice MSCI USA e l'indice Bloomberg U.S. Aggregate Bond sono stati utilizzati come rappresentativi delle azioni e delle obbligazioni statunitensi. Il grafico rappresenta la crescita di ipotetici portafogli con saldi iniziali di 1.000 dollari al 1° gennaio 1992, in crescita fino al 31 agosto 2018. Le variazioni significative delle retribuzioni non agricole sono state utilizzate come sorprese economiche. Gli ipotetici investitori modificherebbero l'asset allocation in 80% di azioni e 20% di obbligazioni in previsione di una sorpresa economica positiva, oppure in 40% di azioni e 60% di obbligazioni in previsione di una sorpresa negativa. I costi di negoziazione non sono stati considerati nelle ipotesi formulate; se lo fossero stati, i rendimenti dei portafogli tattici sarebbero stati inferiori. I rendimenti sono in USD con reinvestimento degli utili.

Ma qualche giorno di assenza dal mercato può essere costoso

Dal 1928 al 2021 nel mercato azionario statunitense si sono avuti più di 23.300 giorni di negoziazione. Di questi, i 30 giorni di trading migliori hanno rappresentato quasi la metà del rendimento del mercato. Uscire dal mercato nel momento sbagliato è costoso. Inoltre, molti di questi giorni di trading migliori erano strettamente legati ai giorni peggiori del mercato, rendendo quasi impossibile la scelta precisa dei tempi.

Rendimenti annualizzati del mercato azionario statunitense dal 1928 alla fine del 2021

La performance passata non è garanzia di rendimenti futuri. La performance di un indice non è rappresentativa di alcun investimento specifico, dal momento che non è possibile investire direttamente in un indice.

Fonti: Calcoli di Vanguard con dati di Macrobond, Inc, al 31 dicembre 2022.

Note: I rendimenti si basano sul rendimento giornaliero dell'indice S&P 90 dal 1° gennaio 1928 al 31 marzo 1957 e dell'indice S&P 500 da allora fino alla fine del 2021 come rappresentativo del mercato azionario statunitense.

Anche i gestori patrimoniali professionisti hanno difficoltà a utilizzare il market-timing

Avete bisogno di un'ulteriore prova di quanto sia difficile l'asset allocation tattica? Il grafico seguente mostra la distribuzione dei rendimenti in diversi periodi per i fondi con asset allocation tattica rispetto a quelli con asset allocation strategica (rispettivamente nelle categorie Morningstar di US Flexible Allocation Funds e Target Risk Funds).

Distribuzione dei rendimenti annualizzati

La performance passata non è garanzia di rendimenti futuri.

Fonte: Calcoli di Vanguard con dati Morningstar, Inc. - Dati dal 3 gennaio 2011 al 31 dicembre 2021. 

Nonostante tutti i vantaggi offerti dai loro gestori professionali - schiere di analisti, modelli informatici sofisticati e altre risorse superiori a quelle dell'investitore medio - i fondi con asset allocation tattica hanno fatto registrare un rendimento medio inferiore e una maggiore distribuzione dei risultati (in sostanza, un rischio maggiore) rispetto ai fondi omologhi con asset allocation strategica.

L'aspetto positivo di una flessione del mercato: rendimenti futuri attesi più elevati

Benché quest'anno la flessione di azioni e obbligazioni sia stata dolorosa per gli investitori, c'è un lato positivo. Valutazioni di mercato più basse significano rendimenti futuri attesi più elevati. Per coloro che sono ancora nella fase di accumulo nel loro percorso d'investimento, questo è un vantaggio, in quanto acquistano i titoli a un prezzo più basso.

Di seguito sono riportate le nostre aspettative di rendimento annualizzato a 30 anni per diverse combinazioni di azioni e obbligazioni, in linea con la nostra gamma di ETF LifeStrategy.

Rendimenti di portafoglio annualizzati a 30 anni (nominali)

Le proiezioni devono essere considerate ipotetiche e non rispecchiano né garantiscono risultati futuri.

Fonte: Vanguard, al 31 marzo 2022. Nota: Le previsioni corrispondono alla distribuzione di 10.000 simulazioni del VCMM per i rendimenti totali nominali trentennali annualizzati in EUR per le classi di attivi evidenziate. Parametri di riferimento utilizzati nelle previsioni: azioni dell'area euro = MSCI European Economic and Monetary Union, azioni globali esclusa l'area euro = MSCI AC World ex-EMU Index, azioni dei mercati emergenti = MSCI Emerging Markets Index, obbligazioni dell'area euro = Bloomberg Euro-Aggregate Bond Index, obbligazioni globali esclusa l'area euro = Bloomberg Global Aggregate ex-euro Index, titoli di Stato tedeschi = Bloomberg Germany Treasury Bond Index, credito dell'area euro = Bloomberg Euro Aggregate: Indice Corporates, liquidità tedesca = rendimento dei titoli sovrani tedeschi a 3 mesi, obbligazioni sovrane dei mercati emergenti = Bloomberg EM USD Aggregate Sovereign, obbligazioni di credito globali = Bloomberg Global Aggregate Credit Index.

L'asset allocation strategica ha tenuto per un motivo.

Il concetto e la prassi del portafoglio bilanciato risalgono agli anni '20 del secolo scorso. Ma risalgono ancora più indietro se si fa riferimento ai testi antichi, ad esempio l'istruzione talmudica di dividere equamente i beni in tre secchi (terra, affari e riserve). L'asset allocation strategica, utilizzata dagli ETF LifeStrategy di Vanguard, è stata sostenuta dalla ricerca accademica e ha resistito a numerosi mercati ribassisti. Supponendo che gli investitori dispongano già di un portafoglio bilanciato diversificato adatto ai loro obiettivi, al loro orizzonte temporale e alla loro tolleranza al rischio, la scelta migliore potrebbe essere di non fare nulla.

IMPORTANTE Le proiezioni e le altre informazioni ottenute col VCMM per quanto riguarda la probabilità dei diversi risultati degli investimenti sono di natura ipotetica, non rispecchiano risultati d'investimento reali e non sono garanzia di rendimenti futuri. Le distribuzioni dei risultati d'investimento ottenuti col VCMM derivano da 10.000 simulazioni per ogni classe di attivi modellizzata. Simulazioni al giovedì 31 marzo 2022. I risultati del modello possono variare ogni volta che lo si utilizza e nel tempo.

Le proiezioni ottenute col VCMM sono basate su un'analisi statistica di dati storici. I rendimenti futuri possono avere un andamento diverso dai modelli storici catturati nel VCMM. È importante notare che il VCMM potrebbe sottostimare gli scenari negativi non osservati nei periodi storici sui quali è basato il modello di stima.

Il Vanguard Capital Markets Model® è uno strumento di simulazione finanziaria proprietario, sviluppato e gestito da esperti di ricerca e consulenti qualificati di Vanguard. Il modello prevede le distribuzioni dei rendimenti futuri di una vasta gamma di classi di attivi. Tra le classi di attivi figurano i mercati azionari statunitensi e internazionali, buoni del tesoro statunitensi e mercati dei titoli societari obbligazionari con diverse scadenze, mercati obbligazionari internazionali, mercati monetari statunitensi, materie prime e alcune strategie d’investimento alternative. Il fondamento teorico ed empirico del Vanguard Capital Markets Model è che i rendimenti delle diverse classi di attivi rispecchiano la contropartita richiesta dagli investitori per assumersi diversi tipi di rischio sistematico (beta). Al centro del modello vi sono le stime del rapporto statistico dinamico tra fattori di rischio e rendimenti degli attivi, ottenute da analisi statistiche basate sui dati finanziari ed economici mensili disponibili a partire dagli inizi degli anni Sessanta del secolo scorso. Tramite un sistema di equazioni stimate, il modello applica un metodo di simulazione Monte Carlo per proiettare i rapporti stimati tra i fattori di rischio e le classi di attivi, come pure l'incertezza e la casualità nel tempo. Il modello produce un'ampia serie di risultati simulati per ogni classe di attivi su diversi orizzonti temporali. Le previsioni si ottengono attraverso misure di tendenza centrale in tali simulazioni. I risultati ottenuti con lo strumento variano ogni volta che lo si utilizza e nel tempo.

Informazioni sui rischi d’investimento

Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono diminuire o aumentare e gli investitori potrebbero recuperare un importo inferiore a quello investito.

I risultati precedenti non possono essere presi come riferimento per i risultati futuri.

Eventuali proiezioni devono essere considerate di natura ipotetica e non rispecchiano né garantiscono risultati futuri.

Alcuni fondi investono nei mercati emergenti, che possono risultare più volatili rispetto a quelli più consolidati. Di conseguenza, il valore dell’investimento potrebbe aumentare o diminuire.

Gli investimenti in titoli di società di minori dimensioni possono essere più volatili rispetto a quelli delle società blue-chip consolidate.

Le azioni ETF possono essere acquistate o vendute esclusivamente tramite intermediari. Gli investimenti in ETF sono soggetti a una commissione d'intermediazione e ad uno spread tra domanda e offerta, che devono essere valutati attentamente prima dell'investimento.

I fondi che investono in titoli a tasso fisso comportano i rischi di mancato rimborso e di erosione del valore del capitale investito; inoltre il livello di reddito è soggetto ad oscillazioni. L'andamento dei tassi d'interesse può influire sul valore del capitale dei titoli a tasso fisso. Le obbligazioni societarie possono offrire rendimenti più elevati, ma proprio per questo, sono soggette ad un maggior rischio del credito ed al conseguente aumento dei rischi di mancato rimborso e di erosione del valore del capitale investito. Il livello di reddito è soggetto ad oscillazioni e l'andamento dei tassi d'interesse può influire sul valore del capitale delle obbligazioni.

Il Fondo può utilizzare derivati per ridurre il rischio o il costo e/o per generare ulteriore reddito o crescita. Il ricorso ai derivati potrebbe aumentare o ridurre l’esposizione ad attività sottostanti e determinare fluttuazioni più ampie del valore patrimoniale netto del Fondo. Un derivato è un contratto finanziario il cui valore di un’attività finanziara (ad esempio un’azione, un’obbligazione o una valuta) o un indice di mercato.

Alcuni fondi investono in titoli denominati in valute diverse. Il valore di tali investimenti può diminuire o aumentare a seguito delle variazioni dei tassi di cambio.

Per ulteriori informazioni sui rischi consultare la sezione Fattori di rischio del prospetto sul sito https://global.vanguard.com

Informazioni importanti

Questa è una comunicazione di marketing.

Il presente documento è destinato agli investitori professionali e non deve essere distribuito agli investitori al dettaglio, i quali non possono farvi affidamento.

Per ulteriori informazioni sulle politiche di investimento del fondo e i rischi relativi consultare il prospetto dell’UCITS e il KIID prima di prendere qualsiasi decisione di investimento finale. Il  KIID del fondo è disponibile nelle varie lingue, insieme al prospetto, sul sito web di Vanguard all'indirizzo: https://global.vanguard.com/.

Le informazioni contenute nel presente documento non devono essere considerate offerte di acquisto o di vendita né sollecitazioni di offerte di acquisto o di vendita di titoli in qualsiasi  paese in cui tali prassi siano vietate dalla legge, né possono essere rivolte a persone cui non sia lecito fare tali offerte o sollecitazioni né possono essere fatte da persone non qualificate.  Le informazioni contenute nel presente documento sono di carattere generale e non devono essere interpretate come consulenza legale, fiscale o di investimento. Si invitano i potenziali investitori a rivolgersi a consulenti professionali per quanto riguarda le implicazioni degli investimenti in [azioni/quote], del possesso e della cessione delle stesse e del ricevimento delle  distribuzioni di utili di eventuali investimenti.

Vanguard Funds plc* è stata autorizzata dalla Central Bank of Ireland come UCITS e registrata per la distribuzione al pubblico in determinati paesi dell’AEE e nel Regno Unito. Si invitano i potenziali investitori a consultare i prospetti dei Fondi per ulteriori informazioni. Inoltre, i potenziali investitori sono invitati a rivolgersi a consulenti professionali per quanto riguarda le implicazioni degli investimenti azionari, del possesso e della cessione di azioni dei fondi e delle distribuzioni di utili in relazione a tali azioni secondo le leggi dei paesi nei quali sono soggetti a tassazione.

Il Gestore di Vanguard Funds plc è Vanguard Group (Ireland) Limited. Vanguard Asset Management, Limited è un distributore di Vanguard Funds plc.

Il Gestore dei fondi domiciliati in Irlanda può decidere di terminare eventuali accordi conclusi per commercializzare le azioni in uno o più paesi ai sensi della Direttiva UCITS, e successive integrazioni e modificazioni.

Il Valore patrimoniale netto indicativo (“iNAV”) degli ETF Vanguard è pubblicato da Bloomberg o Reuters. Per informazioni sul le partecipazioni consultare la Politica sulle partecipazioni in  portafoglio su https://fund-docs.vanguard.com/portfolio-holdings-disclosure-policy.pdf

Chi investe in fondi domiciliati in Irlanda può scaricare un riepilogo dei diritti degli investitori da https://global.vanguard.com/portal/site/portal/ucits-investing-with-us. Il documento è  disponibile in inglese, tedesco, francese, spagnolo, olandese e italiano.

Pubblicato in EEA da Vanguard Group (Irlanda) Limited, autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda.

© 2022 Vanguard Group (Irlanda), Limited. Tutti i diritti riservati.