• Le turbolenze dei mercati azionari e obbligazionari globali non hanno modificato le dinamiche fondamentali degli investimenti multi-asset.
  • I portafogli multi-asset vantano una lunga serie di successi per quanto riguarda il recupero dopo periodi di ribassi significativi sia nelle azioni, sia nelle obbligazioni.
  • Le prospettive per i portafogli multi-asset sono notevolmente migliorate da inizio anno.

 

Non si può negare che sia stato un anno difficile per gli investitori multi-asset. La svendita simultanea sui mercati azionari e su quelli obbligazionari globali1. ha indotto molti investitori a mettere in dubbio i vantaggi della diversificazione dell'investimento multi-asset nell'attuale situazione di mercato, inducendo qualcuno a chiedersi se i portafogli bilanciati siano ancora adatti allo scopo.

Per quanto difficile possa sembrare questo periodo, l'interesse per i portafogli multi-asset rimane elevato. Considerando la loro lunga serie di successi in termini di stabilità dei rendimenti, riteniamo che i portafogli bilanciati possano continuare ad ottenere i risultati previsti per gli investitori disciplinati che resistono.

I portafogli multi-asset nel loro contesto

Quest'anno l'attenzione si è concentrata in gran parte sulla sottoperformance della componente obbligazionaria dei portafogli multi-asset. È tuttavia importante ricordare che il ruolo principale delle obbligazioni nei portafogli ben bilanciati è quello di fungere da elemento di stabilizzazione delle azioni nel tempo, non come elemento trainante dei rendimenti. Nonostante i recenti ribassi, riteniamo che le obbligazioni che spesso fungono da cuscinetto nei periodi di volatilità delle azioni, rimangano la migliore classe di attivi da contrapporre alle azioni, grazie alla correlazione storicamente bassa tra le classi di attivi. Infatti, dalla fine degli anni '80 le obbligazioni globali hanno costantemente prodotto rendimenti positivi durante le flessioni più gravi delle azioni globali, tra cui la crisi finanziaria globale e la pandemia di Covid-19.2

I portafogli multi-asset possono offrire resilienza in tutte le circostanze.

Una delle caratteristiche principali dei portafogli bilanciati è stata la loro capacità di offrire risultati a lungo termine in tutte le condizioni di mercato. Il grafico seguente mostra i rendimenti storici dei portafogli multi-asset 60/40 nei periodi in cui le azioni e le obbligazioni sono scese contemporaneamente negli ultimi 100 anni.

Performance triennale dei portafogli 60/40 dopo le perdite correlate dei mercati obbligazionari e azionari, 1920-2022

La performance passata non è un indicatore affidabile di risultati futuri.
Fonte: Calcoli di Vanguard, basati su dati del sito web di Robert Shiller, per il periodo 1920-2022.

Note: Azioni: Rendimenti S&P500, Obbligazioni: Rendimenti dei Buoni del Tesoro USA decennali basati sull'approssimazione della durata lineare. I rendimenti sono in USD con reinvestimento degli utili. Il "recupero" è definito come il tempo necessario perché i valori dei portafogli raggiungano il valore iniziale dell'investimento (1 dollaro).

Mediamente il portafoglio mediano (indicato dalla linea gialla) ha recuperato le perdite iniziali dopo dieci mesi ed ha prodotto un rendimento medio annualizzato di circa il 9% nei tre anni successivi. Anche se consideriamo i portafogli 60/40 con le peggiori performance, in cui il calo medio è stato di quasi il 30%, ci sono voluti circa 2,5 anni per recuperare le perdite, dopodiché i portafogli hanno prodotto un rendimento medio annualizzato di poco inferiore al 7% per i tre anni successivi.

Questa resilienza sempre valida non è limitata ai portafogli 60/40, ma si applica a tutto lo spettro di rischio. Ad esempio, la stessa analisi dei portafogli 20/80 ha rilevato che sono stati necessari in media sei mesi per recuperare le perdite iniziali, dopodiché gli stessi hanno prodotto rendimenti medi annualizzati del 7,6% per i tre anni successivi. Ciò è dovuto principalmente al fatto che gli investitori che resistono dopo periodi di rendimenti bassi o negativi beneficiano del fatto di aver mantenuto l'investimento proprio quando le valutazioni sono più interessanti, il che consente loro di realizzare rendimenti importanti quando le condizioni di mercato cambiano.

Performance triennale dei portafogli 20/80 dopo le perdite correlate dei mercati obbligazionari e azionari, 1920-2022

La performance passata non è un indicatore affidabile di risultati futuri.
Fonte: Calcoli di Vanguard, basati su dati del sito web di Robert Shiller, per il periodo 1920-2022.

Note: Azioni: Rendimenti S&P500, Obbligazioni: Rendimenti dei Buoni del Tesoro USA decennali basati sull'approssimazione della durata lineare. I rendimenti sono in USD con reinvestimento degli utili. Il "recupero" è definito come il tempo necessario perché i valori dei portafogli raggiungano il valore iniziale dell'investimento (1 dollaro).

Inoltre, le obbligazioni hanno storicamente funzionato come ammortizzatori contro i sell-off recessivi che spesso si verificano con gli attivi più rischiosi durante i periodi di rallentamento della crescita economica. Considerando il mercato attuale, gli investitori che rinunciano adesso alle obbligazioni potrebbero finire per rendere irreversibili le perdite e potenzialmente danneggiare la loro capacità di partecipare pienamente ai benefici delle partecipazioni obbligazionarie quando le condizioni di mercato cambieranno.

Mantenere la concentrazione sui risultati a lungo termine

Guardando avanti le prospettive per i portafogli multi-asset continuano a migliorare, non a peggiorare, grazie all'aumento dei rendimenti obbligazionari futuri attesi e alla riduzione delle valutazioni delle azioni3.  Secondo le ultime previsioni del Vanguard Capital Markets Model (VCMM), il rendimento medio annualizzato previsto a 10 anni per un portafoglio 60/40 è aumentato notevolmente da inizio anno, passando dall'1,9% al 4,5%, con un incremento di 260 punti base4.

Anche se all'orizzonte si profilano tempi migliori è importante ricordare che i portafogli bilanciati di Vanguard non sono concepiti per anticipare le tempistiche dei mercati, ma per offrire agli investitori un'ampia esposizione al mercato attraverso un portafoglio globale di attività diversificate. La storia ha dimostrato che nel lungo periodo i rendimenti aggregati dipendono dal mix strategico di asset di un portafoglio e non dalle mosse tattiche quotidiane nella costruzione dello stesso5.

Tuttavia è in momenti come questo che è naturale voler fare qualcosa per proteggere i portafogli. Piuttosto che cercare di limitare i potenziali effetti dei movimenti di mercato a breve termine, i consulenti possono far leva su princìpi d'investimento collaudati nel tempo dell'asset allocation strategica, che hanno dato agli investitori risultati incredibilmente buoni nel lungo periodo.

 

1 Il Bloomberg Global Aggregate Bond Index (hedged EUR) è sceso del 15%, l'MSCI World Stock Index (EUR) del 13% nel periodo dal 1° gennaio 2022 al 30 settembre 2022. Tutti i rendimenti vengono calcolati in EUR. Fonte: MSCI e Bloomberg.

2 Fonte: Calcoli di Vanguard basati sui dati di Bloomberg. Dati da gennaio 1988 a novembre 2020. Vedere "Hedging equity downside risk with bonds in the low yield environment", Renzi-Ricci, Baynes, gennaio 2021. I rendimenti azionari sono determinati dall'indice MSCI AC World Total Return, mentre quelli obbligazionari dall'indice Bloomberg Global Aggregate Total Return, con copertura in EUR.

3 Fonte: Vanguard. Sulla base delle proiezioni dei rendimenti delle diverse classi di attivi effettuate dal Vanguard Capital Markets Model (VCMM) al 30 settembre 2022.

4 Fonte: Vanguard. Le distribuzioni dei rendimenti sono i risultati del VCMM e derivano da 10.000 simulazioni per ogni classe di attivi modellata. Simulazioni al 31 dicembre 2021 e al 30 settembre 2022. I rendimenti azionari comprendono le azioni EUR (MSCI EMU Total Return Index) e le azioni globali escluse quelle in EUR (MSCI AC World ex EMU Total Return Index). La quota obbligazionaria è costituita da obbligazioni EUR (Bloomberg Euro Aggregate Bond Index) e obbligazioni globali escluse quelle in EUR (Bloomberg Global Aggregate ex Euro Index Hedged). Ripartizione in attivi in EUR e globali esclusi quelli in EUR in base alla capitalizzazione di mercato. I rendimenti sono comprensivi del reinvestimento degli utili.

5 Fonte: Calcoli di Vanguard con dati Morningstar, per il periodo dal 3 gennaio 2011 al 31 dicembre 2021. Performance calcolata su base NAV-to-NAV. Rendimenti calcolati in dollari USA con reinvestimento degli utili e al netto delle commissioni. Per ulteriori informazioni vedere "Strategic Asset Allocation: A Timeless Solution", luglio 2022.

Informazioni importanti

IMPORTANTE: Le proiezioni e le altre informazioni ottenute col Vanguard Capital Markets Model (VCMM) per quanto riguarda la probabilità dei diversi risultati degli investimenti sono di natura ipotetica, non rispecchiano risultati di investimenti reali e non sono garanzia di rendimenti futuri. Le distribuzioni dei risultati d'investimento ottenuti col VCMM derivano da 10.000 simulazioni per ogni classe di attivi modellizzata. Simulazioni al 30 settembre 2022. I risultati del modello possono variare ogni volta che lo si utilizza e nel tempo.

Le proiezioni ottenute col VCMM sono basate su un'analisi statistica di dati storici. I rendimenti futuri possono avere un andamento diverso dai modelli storici catturati nel VCMM. È importante notare che il VCMM potrebbe sottostimare gli scenari negativi non osservati nei periodi storici nei quali è basato il modello di stima.

Il Vanguard Capital Markets Model® è uno strumento di simulazione finanziaria proprietario, sviluppato e gestito da esperti di ricerca e consulenti qualificati di Vanguard. Il modello prevede le distribuzioni dei rendimenti futuri di una vasta gamma di classi di attivi. Tra le classi di attivi figurano i mercati azionari statunitensi e internazionali, buoni del tesoro statunitensi e mercati dei titoli societari obbligazionari con diverse scadenze, mercati obbligazionari internazionali, mercati monetari statunitensi, materie prime e alcune strategie d’investimento alternative. Il fondamento teorico ed empirico del Vanguard Capital Markets Model è che i rendimenti delle diverse classi di attivi rispecchiano la contropartita richiesta dagli investitori per assumersi diversi tipi di rischio sistematico (beta). Al centro del modello vi sono le stime del rapporto statistico dinamico tra fattori di rischio e rendimenti degli attivi, ottenute da analisi statistiche basate sui dati finanziari ed economici mensili disponibili a partire dagli inizi degli anni Sessanta del secolo scorso. Tramite un sistema di equazioni stimate, il modello applica un metodo di simulazione Monte Carlo per proiettare i rapporti stimati tra i fattori di rischio e le classi di attivi, come pure l'incertezza e la casualità nel tempo. Il modello produce un'ampia serie di risultati simulati per ogni classe di attivi su diversi orizzonti temporali. Le previsioni si ottengono attraverso misure di tendenza centrale in tali simulazioni. I risultati ottenuti con lo strumento variano ogni volta che lo si utilizza e nel tempo.

Informazioni sui rischi d’investimento

Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono diminuire o aumentare e gli investitori potrebbero recuperare un importo inferiore a quello investito.

I risultati precedenti non possono essere presi come riferimento per i risultati futuri.

Eventuali proiezioni devono essere considerate di natura ipotetica e non rispecchiano né garantiscono risultati futuri.

Alcuni fondi investono in titoli denominati in valute diverse. Il valore di tali investimenti può diminuire o aumentare a seguito delle variazioni dei tassi di cambio.

Informazioni importanti

Riservato agli investitori professionali secondo la definizione di cui alla Direttiva MiFID II. In Svizzera solo per gli investitori professionali. Da non distribuire al pubblico.

Le informazioni contenute nel presente documento non devono essere considerate offerte di acquisto o di vendita né sollecitazioni di offerte di acquisto o di vendita di titoli in qualsiasi paese in cui tali prassi siano vietate dalla legge, né possono essere rivolte a persone cui non sia lecito fare tali offerte o sollecitazioni né possono essere fatte da persone non qualificate. Le informazioni contenute nel presente documento non devono essere interpretate come consulenza legale, fiscale o d'investimento. Pertanto non ci si deve basare sul contenuto del documento per eventuali decisioni d’investimento.

Le informazioni contenute in questo documento hanno una finalità puramente didattica e non costituiscono una raccomandazione né una sollecitazione ad acquistare o vendere investimenti.

Pubblicato nell’AEE da Vanguard Group (Ireland) Limited regolamentata in Irlanda dalla Central Bank of Ireland.

Pubblicato in Svizzera da Vanguard Investments Switzerland GmbH.

Pubblicato da Vanguard Asset Management, Limited, autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority.

© 2022 Vanguard Group (Ireland) Limited. Tutti i diritti riservati.

© 2022 Vanguard Investments Switzerland GmbH. Tutti i diritti riservati.

© 2022 Vanguard Asset Management, Limited. Tutti i diritti riservati.