Il punto di Simone Rosti, Country Head di Vanguard Italia.

Il panorama degli investimenti di oggi è, per certi versi, quasi irriconoscibile rispetto a quanto vissuto dagli investitori di 30 o 40 anni fa. I tassi di interesse in molti mercati sviluppati erano tipicamente molto più alti di quanto lo siano oggi, con i tassi statunitensi ben oltre il 15% nei primi anni Ottanta. In Europa, poi, pochissimi investitori privati avevano accesso a investimenti indicizzati a basso costo. E il primo fondo quotato in borsa del mondo (ETF) non sarebbe stato creato fino al decennio successivo.

Ma alcuni aspetti dell'investimento non sono cambiati così tanto. Da un lato, l'impatto dei costi sul successo a lungo termine degli investimenti è importante ora come allora. Dall’altro, l’asset allocation strategica è un  fattore che già negli anni '80 dimostrò di essere cruciale per il rendimento degli investitori.

Asset Allocation più importante che mai

Nell'ambito della nostra ricerca, abbiamo analizzato oltre duemilacinquecento fondi comuni di investimento bilanciati ampiamente diversificati in Usa, Regno Unito, Canada, Australia e Giappone su un periodo di 15 anni. E i risultati confermano la conclusione della ricerca del 1986: l'asset allocation strategica era importante per i rendimenti nel 2017 come allora.

Dopo aver analizzato 709 fondi bilanciati, abbiamo scoperto che negli Stati Uniti il 91,1% della variazione del rendimento effettivo di un fondo si spiega con l'asset allocation strategica del fondo. Nel Regno Unito, dei 743 fondi bilanciati esaminati, l'80,5% della variazione di rendimento di un fondo proviene dall'asset allocation strategica. Come si può vedere dal grafico, le percentuali erano elevate anche in altri mercati sviluppati. 

Fonte: Vanguard Research: The global case for strategic asset allocation and an examination of home bias Brian J. Scott, CFA; James Balsamo; Kelly N. McShane; Christos Tasopoulos, January 2017

La performance passata non è un indicatore dei rendimenti futuri

Fonti: calcoli Vanguard, utilizzando i dati di Morningstar, Inc. Dati a settembre 2015

Note: per ogni fondo del nostro campione, un R2 rettificato calcolato rappresentava la percentuale di variazione del rendimento effettivo spiegata dalla variazione del rendimento della politica. Le percentuali mostrate nella figura - 91,1% per gli Stati Uniti, 86,0% per il Canada, 80,5% per il Regno Unito, 89,1% per l'Australia e 87,9% per il Giappone - rappresentano l'osservazione mediana dalla distribuzione della percentuale di variazione del rendimento spiegata da asset allocation per fondi bilanciati. Per il periodo gennaio 1990-settembre 2015, il campione comprendeva: per gli Stati Uniti, 709 fondi bilanciati; per il Canada, 303; per il Regno Unito, 743; per l'Australia, 580; e per il Giappone, 406. I calcoli sono stati basati sui rendimenti netti mensili e le allocazioni delle politiche sono state derivate dalla performance effettiva di un fondo rispetto a un benchmark utilizzando l'analisi di stile basata sui rendimenti (come sviluppata da William F. Sharpe) su base mobile a 36 mesi . I fondi sono stati selezionati dalla categoria Multi-Sector Balanced di Morningstar. Nell'analisi sono stati considerati solo i fondi con almeno 48 mesi di storia di ritorno. Si è ipotizzato che il portafoglio di polizze avesse un indice di spesa statunitense di 1,5 punti base al mese (18 pb all'anno, o 0,18%) e un rapporto

La ricerca conferma le nostre precedenti conclusioni secondo cui, nel tempo e in media, la maggior parte della variabilità di rendimento di un portafoglio ampiamente diversificato che opera con un market timing limitato deriva dalla sottostante asset allocation statica.

Quindi, mentre alcuni investitori potrebbero essere in difficoltà a causa di decisioni di investimento attive, come il market timing e la selezione dei titoli come primo passo nell'investimento, queste hanno in realtà un impatto relativamente limitato sulla variabilità del rendimento nel tempo.

Partire dal quadro generale

Ciò non vuol dire che non c'è posto per una gestione attiva in questo contesto. I nostri risultati supportano l'opinione che la gestione attiva può creare l'opportunità per un portafoglio di sovraperformare il mercato.

Tuttavia, nella costruzione dei portafogli, gli indici globali ponderati per la capitalizzazione di mercato sono un valido punto di partenza per tutti gli investitori. Quando si decide quali investimenti effettuare, è utile fare un passo indietro e iniziare con il quadro generale, non con i dettagli.

Il processo di costruzione del portafoglio dovrebbe iniziare con la scelta della politica di allocazione degli investimenti. Dopo averlo definito, è possibile determinare la strategia per l'attuazione delle scelte di investimento, in base alle aspettative di rischio/rendimento. Ciò potrebbe includere i fondi a gestione attiva.

Alcune cose non cambiano

Alcuni aspetti nel mondo degli investimenti si sono evoluti a partire dagli anni '80 e molti degli sviluppi del settore hanno avvantaggiato gli investitori. Ad esempio, oggi quest’ultimi in generale godono di una maggiore trasparenza sulle commissioni. Molti investitori che tradizionalmente preferivano investire su singole azioni e in fondi comuni d'investimento ad alto costo si stanno ora orientando verso ETF e fondi indicizzati a basso costo.

Ma altri aspetti sono rimasti gli stessi. La nostra analisi ha confermato le conclusioni di ricerche e studi accademici precedenti, secondo cui l'asset allocation strategica determina gran parte della variabilità del rendimento di un fondo. E questo rafforza l’assunto in base al quale la decisione di asset allocation rappresenta l’elemento centrale del processo di investimento.

Naturalmente, l'asset allocation varia in base alla situazione finanziaria, agli obiettivi e alla propensione al rischio, che caratterizzano il singolo investitore. Ma il modo in cui ripartire il portafoglio tra le varie classi di attivi dovrebbe essere una delle prime cose da considerare dopo aver stabilito l’obiettivo di investimento e l'orizzonte temporale. È proprio questo che ha l'effetto maggiore sul modo in cui il portafoglio si comporterà.

Informazioni sui rischi d’investimento

Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono diminuire o aumentare e gli investitori potrebbero recuperare un importo inferiore a quello investito.

Alcuni fondi investono nei mercati emergenti, che possono essere contraddistinti da una maggiore volatilità rispetto ai mercati consolidati. Di conseguenza il valore dell'investimento può aumentare o diminuire.

Gli investimenti in titoli di società di minori dimensioni possono essere più volatili rispetto a quelli delle società blue-chipconsolidate.

Le azioni ETF possono essere acquistate o vendute esclusivamente tramite intermediari. Gli investimenti in ETF sono soggetti a una commissione d'intermediazione e ad uno spread tra domanda e offerta, che devono essere valutati attentamente prima dell'investimento.

I fondi che investono in titoli a tasso fisso comportano i rischi di mancato rimborso e di erosione del valore del capitale investito; inoltre il livello di reddito è soggetto ad oscillazioni. L'andamento dei tassi d'interesse può influire sul valore del capitale dei titoli a tasso fisso. Le obbligazioni societarie possono offrire rendimenti più elevati, ma proprio per questo, sono soggette ad un maggior rischio del credito ed al conseguente aumento dei rischi di mancato rimborso e di erosione del valore delcapitale investito. Il livello di reddito è soggetto ad oscillazioni e l'andamento dei tassi d'interesse può influire sul valore del capitale delle obbligazioni.

I Fondi possono utilizzare derivati per ridurre il rischio o il costo e/o produrre maggiore reddito o crescita. L’uso di derivati può aumentare o ridurre l’esposizione agli attivi sottostanti, con conseguenti maggiori fluttuazioni del NAV del Fondo. I derivati sono contratti finanziari il cui valore è basato su quello di un attivo finanziario (ad esempio un’azione, un’obbligazione o una valuta) o su un indice di mercato.

Alcuni fondi investono in titoli denominati in valute diverse. Il valore di tali investimenti può diminuire o aumentare a seguito delle variazioni dei tassi di cambio.

Per ulteriori informazioni sui rischi consultare la sezione Fattori di rischio del prospetto sul sito https://global.vanguard.com.

Informazioni importanti

Destinato esclusivamente agli soli investitori professionali (secondo la definizione della Direttiva MiFID II) che investono per proprio conto (comprese società di gestione (fondio di fondi) e clienti professionali che investono per conto dei loro propri clienti discrezionali). Da non distribuire al pubblico.

Le informazioni contenute nel presente documento non devono essere considerate offerte di acquisto o di vendita né sollecitazioni di offerte di acquisto o di vendita di titoli in qualsiasi paese in cui tali prassi siano vietate dalla legge, né possono essere rivolte a persone cui non sia lecito fare tali offerte o sollecitazioni né possono essere fatte da persone non qualificate. Le informazioni contenute nel presente documento sono di carattere generale e non devono essere interpretate come consulenza legale, fiscale o di investimento. Si invitano i potenziali investitori a rivolgersi a consulenti professionali per quanto riguarda le implicazioni degli investimenti in [azioni/quote],del possesso e della cessione delle stesse e del ricevimento delle distribuzioni di utili di eventuali investimenti.

Vanguard Funds plc* è stata autorizzata dalla Central Bank of Ireland come UCITS e registrata per la distribuzione al pubblico in determinati paesi dell’AEE e nel Regno Unito. Si invitano i potenziali investitori a consultare i prospetti dei Fondi per ulteriori informazioni. Inoltre, i potenziali investitori sono invitati a rivolgersi a consulenti professionali per quanto riguarda le implicazioni degli investimenti azionari, del possesso e della cessione di azioni dei fondi e delle distribuzioni di utili inrelazione a tali azioni secondo le leggi dei paesi nei quali sono soggetti a tassazione.

Il Gestore di Vanguard Funds plc è Vanguard Group (Ireland) Limited. Vanguard Asset Management, Limited è un distributore di Vanguard Funds plc.

Per ulteriori informazioni sulle politiche di investimento del fondo consultare le Informazioni chiave per gli investitori ("KIID"). Il KIID del fondo è disponibile assieme al prospetto sul sito Vanguard all’indirizzo https://global.vanguard.com/.Il Valore patrimoniale netto indicativo (“iNAV”) degli ETF Vanguard è pubblicato da Bloomberg o Reuters. Per informazioni sulle partecipazioni consultare la Politica sulle partecipazioni in portafoglio su https://global.vanguard.com/portal/site/portal/ucits-documentation.

I fondi cui si fa riferimento in questo documento sono quotati nel registro AFM secondo la definizione di cui alla sezione 1:107della legge olandese sul controllo finanziario (Wet op het financieel toezicht).

L’indice è un prodotto di S&P Dow Jones Indices LLC (“SPDJI”), concesso in licenza a Vanguard.Standard & Poor’s® e S&P® sono marchi depositati di Standard & Poor’s Financial Services LLC (“S&P”); Dow Jones® è un marchio depositato di Dow Jones Trademark Holdings LLC (“Dow Jones”); S&P® e S&P 500® sono marchi di fabbrica di S&P. Questi marchi di fabbrica sono stati concessi in licenza a SPDJI che, a sua volta, in alcuni casi ha concesso gli stessi in sublicenza a Vanguard.I prodotti Vanguard non sono sponsorizzati, approvati, venduti o promossi da SPDJI, Dow Jones, S&P né dalle rispettive controllate, e nessuna delle parti sopra indicate rilascia dichiarazioni circa l’opportunità di investire in tali prodotti e tutte declinano ogni e qualsiasi responsabilità per eventuali errori, omissioni o interruzioni della pubblicazione dell’indice.

Tra le società del London Stock Exchange Group figurano FTSE International Limited ("FTSE"), Frank Russell Company ("Russell"), MTS Next Limited ("MTS") e FTSE TMX Global Debt Capital Markets Inc. ("FTSE TMX"). Tutti i diritti riservati. "FTSE®", "Russell®", "MTS®", "FTSE TMX®" e "FTSE Russell" e altri marchi di servizio e di fabbrica relativi agli indici FTSE o Russell sono marchi di fabbrica delle società del London Stock Exchange Group, concessi in licenza a FTSE, MTS, FTSE TMX e Russell. Tutte le informazioni vengono fornite a scopo puramente indicativo. Le società del London Stock Exchange Group e i loro licenzianti declinano ogni e qualsiasi responsabilità per eventuali errori operdite riconducibili all’uso di questa pubblicazione. Le società del London Stock Exchange Group e i loro eventuali licenzianti non avanzano pretese, rivendicazioni, né rilasciano garanzie o dichiarazioni di sorta, espresse o implicite, per quanto riguarda i risultati ottenibili dall’uso degli indici FTSE o Russell o l’idoneità o l’adeguatezza degli indici per scopi specifici per i quali vengano utilizzati.

BLOOMBERG® è un marchio di fabbrica e di servizio di Bloomberg Finance L.P. BARCLAYS® è un marchio di fabbrica e di servizio di Barclays Bank Plc, utilizzato su licenza. Bloomberg Finance L.P. e le sue controllate, tra cui Bloomberg Index Services Limited ("BISL") (complessivamente, "Bloomberg"), o i licenzianti di Bloomberg detengono tutti i diritti proprietari sugli indici Bloomberg Barclays. I prodotti non sono sponsorizzati, garantiti, venduti o promossi da “Bloomberg o Barclays”. Bloomberg e Barclays declinano ogni e qualsiasi dichiarazione e garanzia, espressa o implicita, nei confronti dei proprietari o degli acquirenti dei prodotti e di qualsiasi persona per quanto riguarda l’opportunità di investire in titoli in genere o nei prodotti in particolare o la capacità degli indici Bloomberg Barclays di replicare la performance dei mercati obbligazionari generali. Bloomberg e Barclays non garantiscono la legalità o l’idoneità dei prodotti per quanto riguarda singole persone o soggetti. L’unico rapporto esistente tra Bloomberg e Vanguard e i prodotti consiste nella concessionein licenza degli indici Bloomberg Barclays che vengono stabiliti, composti e calcolati da BISL, senza tener conto di Vanguard, dei prodotti, dei proprietari o degli acquirenti dei prodotti. Bloomberg non è in nessun modo obbligata a tener conto delle esigenze dei prodotti né di quelle dei proprietari dei prodotti ai fini della determinazione, della composizione e del calcolo degli Indici Bloomberg Barclays. Bloomberg e Barclays non sono responsabili e non sono intervenute nella determinazione delle tempistiche, dei prezzi e delle quantità dei prodotti da emettere. Bloomberg e Barclays declinano ogni e qualsiasi obbligo e responsabilità in relazione alla gestione, alla commercializzazione e alla negoziazione dei prodotti.

Pubblicato nell’AEE da Vanguard Group (Ireland) Limited regolamentata in Irlanda dalla Central Bank of Ireland.Pubblicato in Svizzera da Vanguard Investments Switzerland GmbH. Pubblicato da Vanguard Asset Management, Limited, autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority.

© 2021 Vanguard Group (Ireland) Limited. Tutti i diritti riservati.

© 2021 Vanguard Investments Switzerland GmbH. Tutti i diritti riservati.

© 2021 Vanguard Asset Management, Limited. Tutti i diritti riservati.

828